Image
Un ragazzo con una maglie bianca tiene sulle spalle un bambino, entrambi si vedono di spalle
Kelli Mcclintock on Unsplash

Genitori consapevoli: quanto pratichiamo lo “sharenting”?

Scopri di più sullo “sharenting”, ovvero una genitorialità che condivide tutto verso l’esterno, consegnando al pubblico aspetti che dovrebbero rimanere nella sfera delle conoscenze dirette nella cerchia degli amici più stretti.

Comunichiamo e condividiamo qualcosa di noi (e della nostra famiglia) anche quando siamo online. Come?

Attraverso le immagini in bacheca: testi e video (nostri e di altre persone).

Essere consapevoli di questo aspetto, che mette l’identità al centro, è molto importante: serve riconoscere ed essere responsabili delle modalità con cui ci raccontiamo online, soprattutto nei social network. Per accompagnare i genitori in questa riflessione suggeriamo la lettura dei materiali proposti, con una domanda: come ci raccontiamo in qualità di genitori?

Nei social media che utilizziamo e abitiamo (incluso WhatsApp) come raccontiamo la nostra vita e quella dei nostri bambini? Sovra-esponiamo la nostra famiglia?

Il tema qui è la condivisione di dettagli privati dei figli, comportamento che alcuni osservatori hanno indicato con il termine efficace di sharenting ovvero una genitorialità che condivide tutto verso l’esterno, consegnando al pubblico aspetti che dovrebbero rimanere nella sfera delle conoscenze dirette nella cerchia degli amici più stretti.